Ma da dove arrivano punti e motivi?

Partiamo dai MOTIVI ANDINI, una lavorazione nata più di 500 anni fa in Perù e Bolivia.

Elementi tipici: stelle, animali, rombi, creature mitologiche e decorazioni a zig-zag in colori vivaci.

La storia: I conquistadores portarono con sè i ferri da maglia ed insegnarono agli indigeni a filare la lana e a lavorare il filo per ottenere abiti adatti alle fredde regioni montuose. Ancora oggi il lavoro a maglia è un mestiere maschile, che si impara da bambini, mentre le donne si occupano della tintura della lana.

Materiale tipico: lana di alpaca.

(Fonte: Burda Maglia)

 


Stiamo sferruzzando per voi..

Stiamo creando.. E sì, saremo di parte ma la nuova collezione F/W 2017/2018 si preannuncia spettacolare.

Non è mai troppo caldo per la lana!

Ah, la lana! Tutti la amano nei mesi più freddi, ma non fa mai troppo caldo per portarla, lo sapevate?

Chi ben comincia è a metà dell'opera!

Si fa presto a dire avvio! Avviare correttamente le maglie, in maniera regolare ed elastica è necessario per la realizzazione di un capo dall’aspetto soddisfacente e professionale. Esistono decine di metodi per avviare le maglie. Impariamo a conoscere i più diffusi, e a scegliere quando usarli.

Il lavoro a maglia fa bene a tutti!

Lanaterapia: utile, costruttiva, divertente, adatta a tutti, uomini e donne, grandi e piccini. Il lavoro a maglia è diventato un vero e proprio fenomeno sociale che genera una serie di benefici.

Il segreto meno segreto del mondo? Osare!

Non omologarsi e seguire il proprio gusto ed il proprio istinto fa la differenza!

La maglia rasata si arriccia sui bordi?

Risolvere questo inconveniente è facile!